Oltre 66'000. 
Tanti sono i libri in lingua italiana pubblicati nel 2017. Numeri analoghi nel 2016 e nel 2015.Un mare di titoli in cui tuffarsi con piacere.
Ma la scelta è spesso ardua: come orientarsi in questo vasto orizzonte?
I librai sono grandi lettori e dedicano molto del loro (poco) tempo libero alla lettura.
Abbiamo allora pensato di mettere a disposizione anche online il parere di una di noi sulle sue letture della settimana: potrebbe venire utile come segnalazione o suggerimento.
Le recensioni saranno a volte di libri nuovi o nuovissimi, altre di testi classici o di qualche tempo fa, a volte saranno di romanzi, altre di racconti, altre ancora di saggi.

Scarica le recensioni in formato .pdf























































 

Viola Ardone, Il treno dei bambini, Einaudi, 2019
 
Nella Napoli popolare del 1946, il piccolo Amerigo ha 7 anni e un gioco segreto: “Guardo le scarpe della gente. Scarpa sana: un punto; scarpa bucata: perdo un punto. Senza scarpe: zero punti. Scarpe nuove: stella premio”. Lui di scarpe sue non ne ha mai avute, porta quelle degli altri, che gli fanno male e lo fanno camminare storto; d’altronde, le scarpe degli altri “che ne sanno di come cammino io e di dove voglio andare?”. Non è solo un gioco scaramantico, il suo: è la prima, embrionale intuizione che non è facile adattarsi a quello che già c’è, che per alcuni può essere una sofferenza vivere nella forma, nei modi, con i mezzi che il mondo in cui sono nati offre loro. E il suo mondo non gli offre molto: una madre, Antonietta, brusca, poche parole e molte preoccupazioni, poco avvezza alle manifestazioni di affetto, un padre mai conosciuto che forse è in America a fare soldi, nessuna scuola, una vita per strada, tra i vicoli, il lavoro al mercato e gli amici, pochissimo di tutto e comunque raccimolato con fatica. Ma Amerigo è un bambino sveglio, vivace, pieno di risorse e di spirito; non per niente di cognome si chiama Speranza. Le difficoltà non lo demoralizzano. Il suo racconto, tutto in prima persona, è divertente, innervato da una saggezza candida e spiccia ben restituita da una lingua colorita, scoppiettante, ricca di inflessioni dialettali.
 
In questo contesto di povertà e disagio dell’immediato dopoguerra, prende forma l’iniziativa del Partito Comunista di offrire  un’opportunità a questi figli del popolo. Così, le donne comuniste radunano le madri, spiegano, le convincono un po’ alla volta e infine organizzano dei treni che portano i loro figli al Nord. Qui, in un ambiente completamente diverso, meno provato dalla guerra, i bambini verranno ospitati per diversi mesi da famiglie che si sono offerte volontarie e si occuperanno di sfamarli, vestirli, mandarli a scuola. Staccarli dalle loro famiglie non serve solo a sottrarli temporaneamente alla miseria, ma permette loro di ricevere un accudimento e un’istruzione che a casa non possono avere. È un esperimento di solidarietà tra le varie regioni di Italia che vuole spezzare un circolo vizioso, perché “la fame non è una colpa ma un’ingiustizia” e le cose possono migliorare solo dandosi una mano.
Amerigo, insieme a centinaia di altri bambini, sale sul treno con un misto di curiosità, speranza e paura. Finirà a Modena e presto la nostalgia della madre verrà affiancata (ma non soppiantata) da un affetto sempre più forte per le persone generose e amorevoli che si occupano di lui. Grazie alle loro attenzioni, Amerigo scoprirà i propri talenti e crescerà. Perché oltre a pasti regolari e vestiti comodi riceve anche, per la prima volta, incoraggiamenti, gratificazioni, nuove idee, stimoli grazie a cui la sua intelligenza e il suo carattere possono sbocciare.
 
Il libro si divide sostanzialmente in due parti: la prima copre il periodo che precede e segue l’esperienza settentrionale, con i suoi vissuti e i suoi cambiamenti; la seconda racconta un momento cruciale nella vita dell’Amerigo ormai uomo maturo. Le pagine si stagliano sullo sfondo di un momento storico importante e ne offrono un interessante spaccato. È un’Italia divisa a metà, con paesaggi diversi, lingue diverse, riferimenti diversi e la Napoli urbana è agli antipodi dell’Emilia-Romagna rurale. Ma questo non è un romanzo politico, è un romanzo di sentimenti. Le emozioni passano facilmente dalla pagina al lettore, che si diverte e si intenerisce, spera, teme, resta deluso, si immalinconisce. La prospettiva infantile, che potrebbe essere di inciampo, è qui sfruttata molto bene. La voce dell’io narrante, Amerigo, è uno dei pregi del libro. Il suo stile mima il parlato e cambia con il crescere del protagonista, perdendo progressivamente la parte più dialettale, arricchendo il lessico e sviluppando la sintassi.
Il suo sguardo non restituisce solo ciò che questo viaggio porta di buono, ma anche ciò che esso distrugge: i nuovi legami non si limitano ad aggiungersi ai precedenti, ma li intaccano in profondità, le nuove esperienze non sono un bagaglio neutro, non portano solo a un arricchimento, a una trasformazione positiva, ma anche all’impossibilità di tornare veramente indietro. Quando, mesi dopo, i bambini riprenderanno il treno per Napoli, saranno ormai “spezzati in due metà”. Per alcuni il dissidio potrà ricomporsi, per altri la cesura sarà definitiva e, prima o poi, sarà necessario fare il bilancio tra ciò che si è guadagnato e ciò che si è perso e ricucire ciò che si è lasciato in sospeso.
 
 
Francesca